Gli effetti negativi di alcune politiche locali sul gioco

Luigi Nevola, presidente de La Sentinella, e Andrea Maria Villotti, direttore dell’Istituto economico Milton Friedman, durante la conferenza tenutasi presso la Sala comunale “Fratelli Stellati” di Varazze (Savona) dal titolo “Gioco d’azzardo: una sfida complessa”, concordano nel sostenere che alcune politiche locali sul gioco hanno effetti negativi. Tra queste gli orari spezzati che non tutelano affatto i giocatori.

A sostenerlo Luigi Nevola, secondo cui “gli orari spezzati di funzionamento degli apparecchi aumentano l’ansia e la compulsività del giocatore, come è stato anche dimostrato da studi scientifici. Quando ci si appresta a redigere dei regolamenti, servono dunque persone competenti, in grado di studiare misure che creino meno compulsività. Riteniamo per esempio inutile colpire le sale regolari, su cui si deve investire anche alla luce della riforma Baretta, che crea un solco tra le attività generaliste e quelle specifiche. Invece, occorre creare una rete sociale che scovi e aiuti la compulsività. Va inoltre colpito il gioco illegale e irregolare e a tale proposito la Provincia autonoma di Bolzano è un esempio lampante di come non vada gestito il fenomeno. È quella maggiormente proibizionista in materia di gioco in Italia e questo ha portato all’arrivo di infiltrazioni mafiose e alla scoperta di totem”.

Bisogna chiedersi : sto facendo del bene se abbandono il giocatore patologico nelle mani della criminalità organizzata, se attraverso delle leggi proibizioniste lo spingo nelle mani degli usurai e poi lo curo con i soldi pubblici?”, ha aggiunto.

Per promuovere il gioco sano è importante “creare una cultura in materia, investendo su prevenzione e formazione non ideologiche, effettuando campagne informative anche tra i più piccoli. Il gioco non va demonizzato ma bisogna imparare a gestire e gustare il divertimento”.

Sull’inutilità degli approcci proibizionisti

Andrea Maria Villotti, durante il suo intervento, ha analizzato in maniera critica l’adozione di alcune politiche locali sul gioco: “Questo settore in Italia è giovane, oltre che importante e in grado di dare lavoro a molte persone. A causa principalmente della sua gioventù, è caratterizzato da approcci da parte delle amministrazioni comunali che sono certamente in buona fede ma anche di tipo proibizionista, ottenendo così l’effetto opposto di quello voluto, ossia tutelare i giocatori e soprattutto le fasce deboli. Tali approcci non garantiscono inoltre l’azione regolare del settore, che necessita di una regolamentazione omogenea anziché a macchia di leopardo. Le interruzioni molteplici dell’attività delle macchine da parte delle amministrazioni comunali creano un effetto simile a quando in una birreria si chiama l’ultimo giro, e tutti chiedono l’ultima birra. Un orario continuativo è preferibile”.

Riferendosi al caso Trentino Alto Adige, Villotti chiarisce che “Le due province hanno normative differenti: proibizionista a Bolzano, non proibizionista a Trento. E in quest’ultima provincia il fenomeno del gioco illegale dei totem è totalmente sconosciuto, vengono inoltre realizzato corsi di formazione che favoriscono una gestione positiva del settore e migliorano le condizioni per tutti, giocatori compresi”.

Redazione

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.